Piattaforma OkMedico.it
Si ricorda che per poter aver accesso a tutti i contenuti del sito e ai corsi FaD per l'accreditamento dei crediti ECM é necessario essere registrati ed eseguire il login inserendo username e password corretti.


 
 
 Registrati Registrati
 Password dimenticata? Password dimenticata?

Contattaci

  helpdesk@oksalute.com



dal lunedì al giovedì
dalle ore 9-13 e dalle 14-18
il venerdì
dalle 9-13 e dalle 14-16

Fax 055 2462223

OKSalute.com
c/o PLS Educational spa
Via della Mattonaia, 17
50121 - FIRENZE

C.F. 11216511003
Registro di Roma
La Malattia di Alzheimer: aggiornamenti per le unità di valutazione Alzheimer

DURATA: 10 ore

N. CREDITI PREASSEGNATI: 10 crediti

DESTINATARI PROFESSIONE: MEDICI

DESTINATARI: GERIATRI, PSICHIATRI E NEUROLOGI

RESPONSABILE SCIENTIFICO: Prof. Marco Trabucchi



Segreteria Organizzativa
Centro Consulenze
Via Mattonaia, 17 - 50121 Firenze
Tel 055.2462.429 – Fax 055.2462.223
e-mail: chelli@oksalute.com

Orario:

  • dal lunedì al giovedì dalle 9.00-13.00 e dalle 14.00-18.00
  • il venerdì dalle 9.00-13.00 e dalle 14.00-16.00

La demenza rappresenta una delle sfide più significative alla scienza, alla medicina, all’organizzazione dei servizi con rilevanti risvolti di tipo etico, legale ed economico.

In Italia si stimano circa 900.000 casi di demenza e circa 3 milioni di familiari sono coinvolti direttamente nell’assistenza ai pazienti. La prevalenza aumenta in modo quasi esponenziale con l'età, passando dall’1% circa tra i 65 e i 69 anni al 30-35% dopo gli 85 anni (la malattia di Alzheimer –AD- rappresenta circa il 70% dei casi); complessivamente si calcola una prevalenza del 6.4% fra gli ultrasessantacinquenni (la prevalenza dell’AD è del 4.4%). Anche l’incidenza aumenta con l’età, passando da 4.1 casi per 1.000 abitanti per le età fra 65 e 69 anni a 29.9 per le età fra 80 e 84 anni; questo corrisponde a circa 96.000 nuovi casi di demenza ogni anno nel nostro Paese. E’ stato stimato che le persone affette da demenza raddoppieranno entro il 2020 e quadruplicheranno entro il 2040.

Il campo della diagnosi e valutazione dell’AD ha avuto negli ultimi anni enormi sviluppi, soprattutto per un utilizzo più accurato delle tecniche di indagine neuroradiologica e per le ricerche sull’applicazione di markers biologici per la diagnosi precoce. Recentemente sono stati proposti nuovi criteri per la diagnosi dell’AD che tengono conto delle novità della ricerca e permettono una diagnosi precoce (forse anche preclinica) della malattia di Alzheimer.

Per rispondere alle necessità derivanti dalla complessità della gestione del paziente con AD è necessaria una collaborazione fra centri specialistici (in Italia le Unità Valutazione Alzheimer –UVA) e medici di medicina generale.

I centri UVA, attraverso l’implementazione di protocolli di valutazione diagnostica e di programmi di cura specifici, sono in grado, rispetto ai servizi tradizionali, di:

  • identificare precocemente la malattia
  • differenziare in modo più accurato le malattie che determinano la demenza
  • migliorare la qualità della vita dei pazienti e dei caregivers
  • assicurare un trattamento più accurato.

 

Le risposte ai problemi della demenza devono essere in grado si seguire il paziente e la famiglia lungo il decorso della malattia adattandosi rapidamente alle mutate esigenze e coprendo contemporaneamente la dimensione clinica e quella assistenziale. Alla fase della diagnosi deve seguire la fase degli interventi che devono essere integrati e condotti in modo continuativo, senza salti temporali e spaziali e devono comprendere:

  • trattamento specifico farmacologico e non delle funzioni cognitive
  • controllo delle alterazioni comportamentali (sia con trattamenti non farmacologici che farmacologici)
  • supporto dello stato funzionale
  • prevenzione e trattamento della comorbidità
  • sostegno ed educazione della famiglia

 

Obiettivi dell'evento:

Il corso si prefigge il compito di approfondire le conoscenze dei medici specialisti operanti nelle UVA sul tema dei fattori di rischio da tenere presenti nell’osservazione clinica di un paziente (in particolare il ruolo della familiarità e della genetica, dei fattori ambientali), sui nuovi criteri diagnostici e valutativi per la diagnosi di malattia di Alzheimer e per la diagnosi differenziale, per la stadiazione della malattia, anche al fine di valutare l’efficacia dei trattamenti, sulla storia naturale della malattia (la comunicazione della diagnosi, i disturbi cognitivi, le alterazioni del comportamento, la disabilità, le fasi avanzate, la morte), sulle terapie farmacologiche per le funzioni cognitive e sui trattamenti non farmacologici e farmacologici dei disturbi comportamentali. Infine particolare attenzione sarà riservata ad approfondire i principi della riabilitazione cognitiva, le modalità di assistenza al caregiver, i principali problemi medico legali e l’organizzazione dei servizi.


Attestati
in riferimento alle disposizioni ministeriali che regolano il rilascio degli attestati dei Corsi accreditati con il Nuovo Sistema ECM Nazionale, La informiamo che i certificati saranno rilasciati agli aventi diritti solo dopo che il Corso sarà terminato e il Provider avrà comunicato i suddetti nominativi al Ministero della Salute.

L'iscrizione e la fruizione del corso sono completamente gratuite. Per iscriversi è necessario essere registrati al portale OKsalute e inserire la password alzheimer di abilitazione cliccando qui

Privacy |  Certificato di qualità |  Copyright |  Lavora con noi
Copyright 2000-2012 by OKSalute.com - PLS Educational S.p.A. All rights reserved.